SOSPENSIONE DEL MUTUO

Con il termine di “sospensione del mutuo” ci riferiamo alla moratoria che consente alle famiglie che si trovino in situazione di temporanea difficoltà economica di interrompere, per un determinato periodo di tempo, il pagamento delle rate del mutuo contratto per l’acquisto di un immobile.

Fonte del procedimento è la Legge n 244/2007 e le successive modifiche ed integrazioni che sono state dettate dall’espandersi dell’epidemia di Covid19 come conseguenza della crisi economica/finanziaria causata dal lockdown delle attività produttive.

La legge n. 244 era stata introdotta inizialmente dal Governo per consentire l’accesso alla moratoria relativa alla sospensione del mutuo a soggetti titolari di un finanziamento ottenuto per l’acquisto della prima casa che si fossero trovati in situazione di difficoltà economica causata o dalla cessazione del rapporto di lavoro, oppure per il sopraggiungere di un caso fortuito, quale un’invalidità o morte.

Con il Decreto “Cura Italia”, il nostro governo ha voluto estendere l’accesso alla suddetta moratoria anche a coloro che hanno subito una sospensione del lavoro, oppure che hanno subito una riduzione dell’orario di lavoro effettivo per un periodo di tempo di almeno 30 giorni (modifica del 2 marzo 2020).

In seguito alla predetta modifica, con il provvedimento del 17 Marzo 2020, il consiglio dei Ministri ha esteso l’accesso alla “moratoria” e al “Fondo di solidarietà”, per uno periodo di 9 mesi, anche a lavoratori autonomi ed a liberi professionisti. Il “Fondo di solidarietà” ha il compito di intervenire per il pagamento degli interessi compensativi nella misura del 50%, considerando gli interessi maturati sul debito residuo durante il periodo di sospensione.

Il Decreto “Cura Italia”, oltre ad allargare la platea dei beneficiari, ha stabilito le seguenti condizioni:

  • Che vi sia stata una perdita del lavoro subordinato, oppure una perdita di lavoro di rappresentanza commerciale o di agenzia, oppure del lavoro di collaborazione coordinata e continuativa;
  • Che vi sia stato un subentro al titolare del mutuo per sopraggiunta morte, oppure per riconoscimento di grave handicap o di invalidità civile non inferiore all’80%;
  • Che vi sia stata una riduzione dell’orario di lavoro di almeno trenta giorni;
  • Nel caso in cui il lavoratore autonomo o il libero professionista ha subito una riduzione di fatturato superiore al 33% a partire dal 21/2/2020 alla data della domanda e comunque nell’ultimo trimestre (il calo deve essere documentato ed accompagnato da un’autocertificazione ai sensi degli articoli 46 e 47 DPR 445/2000.)

Oltre a questi requisiti soggettivi, per accedere alla moratoria, devono sussistere anche alcuni requisiti oggettivi, quali:

  • l’immobile non deve essere gravato da ipoteca,
  • deve trattarsi di prima casa,
  • l’immobile non deve essere classificato come bene di lusso o appartenere alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Il decreto Legge “Liquidità” (DL n.23/2020) ha eliminato anche alcune restrizioni, estendendo così l’accesso al Fondo anche ai titolari di mutui contratti da meno di 12 mesi, consentendo l’accesso alla moratoria a chi avesse già beneficiato di altri aiuti pubblici, come il Fondo di garanzia per la prima casa. Inoltre, le predette modifiche hanno consentito l’accesso al fondo anche a coloro che hanno beneficiato di mututi superiori a € 250.000 ed alle ditte individuali ed artigiani, nonchè a chi era già in ritardo nel pagamento delle rate precedenti, purché per non più di 90 giorni consecutivi.

        La richiesta della moratoria deve essere fatta alla stessa banca erogatrice del finanziamento compilando un modulo ufficiale in versione semplificata il 30 marzo 2020 e disponibile sul sito di Consap, allegando la documentazione che attesti le condizioni necessarie per la richiesta. La banca provvederà ad inoltrare poi l’istanza alla Consap che, dopo opportune verifiche e in caso di esito positivo, rilascerà il nulla osta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: